Marina Sereni
Marina Sereni
<b>949</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>36</b> Eventi da me promossi
<b>178</b> Interventi e partecipazioni a Montecitorio
<b>146</b> Impegni in Italia
<b>56 </B> Missioni e incontri internazionali
17-07-2008
Crisi Merloni: interpellanza urgente al Governo
“In accordo con le istituzioni e le parti sociali del territorio di Umbria e Marche che hanno fino ad ora perseguito con il massimo sforzo la ricerca di percorsi che salvaguardassero i livelli occupazionali dell’azienda e dell’indotto, riteniamo che spetti ora al Governo dare il proprio contributo per la risoluzione della crisi, anche in considerazione della circostanza che, per l’alto numero dei lavoratori occupati e per la dimensione sovra-regionale del territorio interessato, l’emergenza si configura di rilevanza nazionale” è quanto afferma in una nota l’on. Marina Sereni, Vicepresidente del gruppo PD alla Camera dei deputati che aggiunge: “Sulla crisi della Merloni come deputati del Partito Democratico abbiamo presentato un’interpellanza urgente per chiedere al Governo quali iniziative intenda mettere in campo per affrontare i problemi occupazionali e le conseguenti ripercussioni economiche e sociali sul vasto territorio di Umbria e Marche che ospita gli stabilimenti del gruppo. Abbiamo chiesto all’esecutivo di adoperarsi per la tempestiva istituzione di un tavolo tra Governo, Regioni ed i vari soggetti interessati nonché di valutare se non ricorrano le condizioni per la proclamazione dello stato di crisi con la conseguente attivazione di tutti gli strumenti connessi a tale provvedimento. Il perdurante stato di crisi dell'Azienda, i gravi problemi finanziari che stanno emergendo e la prospettiva attuale di centinaia e forse migliaia di esuberi, configurerebbero infatti un forte ridimensionamento produttivo e occupazionale degli stabilimenti Merloni dai riflessi allarmanti per centinaia di famiglie e per le condizioni complessive di una vastissima area del territorio delle regioni Umbria e Marche che verrebbe pesantemente penalizzata. Pertanto dopo l’iniziativa delle due Regioni e delle altre istituzioni locali che hanno attivato un tavolo interregionale e dopo la forte mobilitazione dei lavoratori e delle loro rappresentanze sindacali, crediamo che ora anche il Governo debba fare la sua parte”.
Marina Sereni, 2009-2015