Marina Sereni
Marina Sereni
<b>949</b> Ore. <b>22%</b> Totale sedute
<b>36</b> Eventi da me promossi
<b>178</b> Interventi e partecipazioni a Montecitorio
<b>146</b> Impegni in Italia
<b>56 </B> Missioni e incontri internazionali
12-06-2008
Sereni: “Ripristinare i fondi per l’Accademia di Perugia”
Emendamento degli onorevoli Marina Sereni, Gianpiero Bocci e Gabriele Albonetti al decreto “taglia Ici”.

Iniziato nelle commissioni bilancio e finanze della Camera l’esame del decreto legge “taglia ici”. Il provvedimento arriverà in aula solo a partire dal 23 giugno ma già in questa fase l’onorevole Marina Sereni, vicepresidente del gruppo PD alla Camera, ha presentato insieme agli onorevoli Bocci e Albonetti un emendamento volto a ripristinare i fondi tagliati dal governo alle Istituzioni di alta formazione e specializzazione artistica e musicale, tra cui l’Accademia di Belle Arti di Perugia.

“Con questo emendamento” afferma Sereni in una nota “inizia la nostra battaglia per garantire all’Accademia “Pietro Vannucci” le risorse già stanziate dal precedente governo Prodi con la finanziaria 2008. Per finanziare il taglio dell’ICI sulla prima casa e lo sgravio fiscale sugli straordinari il governo ha tagliato infatti innumerevoli e importanti fondi già stanziati ridimensionando massicciamente e in molti casi anche azzerando interventi già disposti con legge.
Tale modo di procedere determina, tra l’altro, una grave incertezza in ordine alle decisioni assunte dalle istituzioni dello Stato. Sarebbe stato possibile finanziare gli interventi previsti dal decreto senza intervenire sulla spesa a condizione di riconoscere che sono disponibili risorse finanziarie derivanti dal lavoro svolto dal governo Prodi che ha portato all’aumento delle entrate.

Invece il governo taglia intaccando i fondi per le politiche sociali, per l’inclusione sociale, per la sicurezza, per le infrastrutture, per le politiche ambientali e, tra le materie pesantemente penalizzate, quelle della cultura e dell’istruzione per cui Istituzioni storiche e prestigiose come l’Accademia di Perugia rischiano di vedere di fatto paralizzata la propria attività.

Mi auguro che nel prosieguo dell’esame del provvedimento sia possibile unire le forze di tutti e ottenere un risultato concreto positivo".
Marina Sereni, 2009-2015